Vai alla home page
 
comunicazioni con AOUP
LINK DIRETTI AI CERTIFICATI INPS
CEDOLINO E VARIAZIONI ASSISTITI
  Notizie   
 
 
Versione mobile
  vai alla versione mobile
 
FTOM: no a depotenziamento medico del 118 e revisione intramoenia

Inserito il 10 novembre 2018 alle 15:39:00 da fimmg1957. IT - Professione


Federazione OdM Toscani: no a depotenziamento professionale medico del 118 e revisione dell' intramoenia.

COMUNICATO STAMPA

La Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri dichiara la propria ferma opposizione al processo di depotenziamento del sistema 118 della Toscana.

Non può infatti definirsi "riorganizzazione", e non é in alcun modo accettabile, la drastica riduzione del personale medico e la sua sostituzione con personale infermieristico.

E' pleonastico affermare che se e riconosciuta l'esistenza di due professioni, di Medico e di Infermiere, ciò significa che esse non solo hanno compiti e funzioni diverse, ma anche, e soprattutto che non sono tra loro in alcun modo intercambiabili.

Medici ed Infermieri devono collaborare, ciascuno per le proprie competenze, ed i migliori risultati in termini di salute per il cittadino si ottengono quando i professionisti della sanità operano di concerto, soprattutto nel delicato servizio 118.

Analogamente, la Federazione dichiara la propria ferma opposizione anche all'ipotesi di revisione dell'attività intramoenia cosi come ipotizzata dal Presidente Rossi, dal quale ci attendiamo maggiore rispetto per i Medici.

Si continua infatti a penalizzare i Medici che, in questa momento di scarsità di risorse, ma nel pieno rispetto della Carta Costituzionale, mantengono un SSN pubblico, equo, solidale ed universale.

La Federazione teme che, come già in aItre realtà, il personale medico tenda ad uscire dal sistema pubblico che non lo tutela per prestare la propria opera nel settore privato.

In conclusione, la Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri propone l'attivazione, in tempi brevi, di nuovi corsi per Medici 118, cosi da ovviare alla carenza di personale medico.

La Federazione stigmatizza infine il metodo con il quale la Regione Toscana, negli ultimi tempi, gestisce la sanità assumendo decisioni senza contributo toscani. della professione, a discapito della storica tutela della salute dei cittadini.

Letto : 57 | TORNA INDIETRO | Stampa la notizia | Stampa la notizia in pdf | Informa un amico
 
Sede
News sanitarie
 
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | 2018 © FIMMG-Pisa |  Contattami  |  Versione stampabile   | Feed  | 
ore 10:44 | 1078562 accessi | utenti in linea: 685